Prodotti

Numero risultati per pagina
Ordina per
1 - 30 di 56 risultati
N. prodotto: Biscotti al Latte

Prodotti a S. Angelo di Brolo, in Provincia di Messina, rappresentano una ricetta antica, semplice, appartenente alla cucina povera. Proprio nella essenzialità degli ingredienti sta il segreto del loro successo: farina zucchero  e latte. Probabilmente a priva vista possono non attrarre ma,  già al primo assaggio, dopo l’immancabile tuffo nel latte, si rimane conquistati. Realizzati con ingredienti naturali senza alcun conservante

5,00 *
Peso della spedizione: 600 g

Scorte disponibili

Navolette

10,00 *
Peso della spedizione: 600 g

Scorte disponibili

Dall’aspetto molto simile a tanti altri biscotti dello stesso genere, presenti nel panorama dolciario nazionale, i “piparelli” di Messina”, si differenziano per alcune peculiarità, che li rendono gustosissimi ed irresistibili. Sostanzialmente, queste caratteristiche distintive, si possono riassumere, nella presenza di 3 ingredienti fondamentali: le mandorle siciliane, uniche per la loro bontà, dal sapore inconfondibile, il miele di zagara, siciliano, fortemente aromatico e presente in abbondanza nel  territorio siciliano, ed infine un mix di spezie e aromi, che li rendono veramente originali.
Dalla combinazione di questi ingredienti, seguita da una attenta esecuzione dei passaggi del procedimento di lavorazione, si ottiene un prodotto inimitabile dal gusto gradevolissimo.

20,00 *
Peso della spedizione: 1.000 g
Prezzo giornaliero corrente

Scorte disponibili

Dolce da forno prodotto nel comune di San Angelo di Brolo, in provincia di Messina,  costituito da un involucro di pasta ripiena di un composto a base di zucchine verdi e ricoperto da una glassa. II prodotto è stato verosimilmente introdotto in Sicilia durante la dominazione araba e tramandato fino ai nostri giorni nella tradizione popolare delle Monache Clarisse presenti  a S. Angelo di Brolo. dal XVI Sec.
Ha ottenuto il riconoscimento P.A.T. "Prodotto Agroalimentare Tradizionale£ con Decreto del Ministero delle Poitiche Agricole Alimentari e Forestali pubblicato sulla G.U.R.I. suppl. n. 9 del 20.02.2020.

Ingredienti: 500 g. di zucchine verdi lunghe da pergola – 250 g. di mandorle sgusciate – 2 g. di cannella – 1 g. di chiodi di garofano -  10 g. di codette di zucchero – 250 g. di farina 00 -  200 g. di zucchero – albume -   70 g. di acqua -  400 g. di zucchero vanigliato -  10 g. di cacao amaro - scorza di limone.

Preparazione: la zucca lunga verde, va raccolta a 3/4 della maturazione. Dopo averla sbucciata si svuota dei semi, indi si taglia a strisce e si conserva con sale ed acqua in botti di rovere o damigiane di vetro per due o più mesi. Trascorso tale tempo il composto così amalgamato si ripone per tre giorni sotto I'acqua corrente per consentirne la dissalazione.

Prima fase di lavorazione: iniziare la cottura della zucca, in apposito recipiente fino ad ebollizione. Quando risulterà al dente, si taglierà a cubetti molto piccoli in seguito posti ad asciugare pur mantenendo una moderata umidità. Inizia così il procedimento detto della " ingileppatura" che consiste nel mescolare lo zucchero alla zucca in ragione di 4 kg per 10 kg di materia prima, mentre questa cuoce a fuoco basso. Quando il composto acquista un aspetto lucido si mette da parte in attesa che raffreddi.  A parte si prepara la mandorla, precedentemente scottata in acqua bollente, spellata e macinata che si mescola con lo zucchero. Il preparato così ottenuto si riversa sulla zucca, candita precedentemente, cui si aggiungono cannella e fiori di garofano finemente macinati.

Seconda fase di lavorazione: A parte si prepara una sottile sfoglia composta da farina zucchero  e acqua dalla quale si ricaveranno dischi del diametro di circa 10 cm, al cui centro si porrà un cucchiaio dell' impasto, che si chiuderanno a raggiera sul composto. I "bacconetti" così ottenuti si metteranno in forno abbastanza forte per circa 20 minuti.

Terza fase di lavorazione: Montare  l’albume con lo zucchero vanigliato, fino ad avere una consistenza ben ferma, ricoprire i bocconetti  ormai raffreddati  con la glassa ottenuta  c.d. "Marmorata". In una piccola parte di  glassa o “Mamorada”, sciogliere del cacao amaro e utilizzare il composto per decorare i bocconetti formando piccoli disegni. Guarnire con le codette colorate. Rimettere il prodotto nel forno tiepido fino a quando la glassa o “Marmorada” non sarà completamente asciutta. Lasciare raffreddare e servirli.

13,00 *
Peso della spedizione: 600 g

Scorte disponibili

N. prodotto: CABERNET Sauvignon Rosso IGT Terre siciliane

Vino Rosso di qualità IGT Terre Siciliane, prodotto dalle Cantine Madaudo nel Comune di Villafranca Tirrenza, in Provincia di Messina,  ottenuto dall'omonimo vitigno Cabernet Sauvignon, collezione Barone di Bernaj,  di colore rosso profondo con riflesso porpora dal profumo intenso con spiccato sapore erbaceo e di frutti maturi di sottobosco, robusto e autorevole, morbido ed elegante con struttura tannica ottimamente armonizzata. Accompagna gradevolmente tutte le pietanze a base di carni rosse, salumi stagionati e tutti i piatti dai sapori forti e persistenti.

Bottiglia da 75 cl. -  13 % vol.

 

7,50 *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

N. prodotto: CaffeSpiccia

Caffè prodotto a S.Angelo di Brolo, piccolo centro della Provincia di Messina,  privo di coloranti lucidanti o conservanti, torrefatto a legna come nei tempi passati a salvaguardia  della tradizione che fa del Caffè Spiccia una rafinatezza per intenditori. Macinato e confenzionato sottovuoto.

da 5,00 *

Scorte disponibili

La Coppa o  capocollo di “Suino Nero dei Nebrodi”, ricavato dai muscoli del collo, la parte della lombata più vicina alla testa  del maiale, è uno  dei salumi siciliani più pregiati dal sapore e odore persistente ed intenso, caratterizzato da un giusto equilibrio tra le partim magre e quelle  grasse . Questo taglio viene salato, a base di sale marino siciliano, massaggiato con un misto di spezie naturali e legato a mano, privo di glutine latte e derivati, senza l’aggiunta di conservanti.

Dopo una  stagionatura lenta di 90/120 giorni si ottiene un prodotto aromatico, tenero e profumato, dalla particolare dolcezza.  Il gusto dell’animale lo rende una prelibatezza della gastronomia siciliana e deriva dall’allevamento all’aperto. Difatti,i suini neri siciliani vivono sui Monti Nebrodi, in provincia di Messina, in natura allo stato brado e si nutrono di ghiande e radici. L’alimentazione rustica di questi animali garantisce delle carni di qualità molto pregiata sia dal punto di vista culinario che salutare.

Viene proposto in confezioni sottovuoto, intero o in tranci.

21,00 *
Peso della spedizione: 700 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Coppa Santangiolese

La Coppa o Capocollo è uno dei salumi siciliani più pregiati, ottenuto dai muscoli del collo del suino. Viene salato, massaggiato e legato a mano, privo di  glutine, latte e derivati; e senza contenuto di conservanti.

Si presenta di forma cilindrica allungata e al taglio appare tenera e compatta, di colore rosso e con venature  variabili di grasso.

La stagionatura lenta di 80/90 giorni lo rende aromatico, tenero e dal profumo intenso dato dal massaggio di  spezie naturali.

Questo salume viene proposto in confezioni sottovuoto intero o a tranci.

da 19,50 / kg *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Cuddureddi di S. Angelo

Cuddureddi

5,00 *
Peso della spedizione: 600 g

Scorte disponibili

(Confezionato intero o in tranci sottovuoto)

48,00 / kg *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

Tipici della tradizione gastronomica ficarrese, tanto da diventarne segno distintivo, i pasti i mennula sono dolci a base di mandorla decorati con glassa e coloratissima diavolina,  particolarmente apprezzati dagli intenditori. In pasticceria, oggi, sono disponibili durante tutto l’anno, ma in passato la loro preparazione era strettamente legata al rito della Pasqua, la festa per eccellenza della cristianità: non vi era casa in tutto il paese in cui la ricorrenza pasquale non fosse celebrata con la preparazione delle paste di mandorle. La curiosa forma a mezzaluna, con cui solitamente vengono modellate, suggerisce tuttavia una probabile origine araba del dolce successivamente fatta propria dalla tradizione cristiana al pari di altre simbologie pagane. Nel tempo, alla originaria forma se ne sono aggiunte tante altre scaturite dalla vivace fantasia popolare. E così le paste di mandorle oggi vengono preparate a forma di cuore, rotondeggianti, allungate a cestinetti.

Ingredienti:

per il ripieno: mandorle, zucchero, cucuzzata (zucca candita),  cannella;

per l’involucro: farina, strutto, zucchero, acqua;

per la decorazione: glassa e diavolina

13,00 *
Peso della spedizione: 600 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Fiocco di Culatello dei Nebrodi

Il Fiocco di Culatello, realizzato in Sicilia, è ricavato  dalla stessa coscia di suino locale dalla quale proviene anche il Culatello. E’ la noce di carne più piccola a fianco del femore. Una volta disossata la coscia suina, ci sono due tagli di dimensioni diverse: il taglio più grande e più ricco di grasso è destinato alla realizzazione del Culatello o Culatta, il più piccolo e più magro si trasforma in Fiocchetto. Subito dopo la rifilatura avviene la salagione a secco con sale e spezie. Successivamente, dopo una breve fase di riposo in rete elastica, si procede alla tradizionale legatura a mano, che conferisce il tipico aspetto ovale. Segue la lenta stagionatura che si protrae per almeno sei mesi in ambienti umidi e freschi, ma la maturazione può arrivare tranquillamente all’anno per i pezzi più grossi. Alla fine della stagionatura, dai 180 ai 200 giorni circa, il prodotto, una volta affettato,  assume  un sapore dolce e sapido con  accenni di frutta secca, aroma intenso e speziato con sentori di lunga stagionatura.

Viene proposto in confezioni sottovuoto intero o a tranci

da 24,50 / kg *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Guanciale dei Nebrodi

Il Guanciale di maiale si ricava dalla guancia del suino,  informazione questa che  ci permette di distinguerlo, in modo definitivo, dalla “Pancetta” con cui molto spesso viene confuso e che, invece, come è facilmente intuibile, si ottiene dal ventre del maiale. La consistenza della sua carne, l’intensità che lo caratterizza dal punto di vista organolettico, l’alta qualità della  parte grassa sono inconfondibili caratteristiche che gli permettono di essere da sempre l’ingrediente più prelibato e di prima scelta nella creazione di primi piatti della tradizione regionale, così come viene espressamente indicato in alcune ricette, a cominciare da quelle delle famosissime:  “Amatriciana, Carbonara e Gricia.

L’operazione del suo sezionamento deve essere eseguita con accuratezza ed attenzione anche nella fase della rifilatura che permette di arrivare alla forma tipica triangolare con cui viene proposto in commercio. Il taglio così ottenuto deve passare attraverso la “salagione”, che avviene manualmente e che dura 4-5 giorni durante i quali la carne va massaggiata con cura e delicatezza. Trascorso questo periodo di tempo, dopo aver effettuato il lavaggio, si può iniziare a speziarla utilizzando pepe e peperoncino, ossia gli ingredienti che costruiscono la base di un mix che, a seconda delle zone, può essere ulteriormente arricchito e aromatizzato aggiungendo aglio, rosmarino, salvia o altri tipi di erbe.

Il periodo di asciugatura di 4-5 giorni precede quello della stagionatura che avrà una durata variabile tra i 60 e i 90 giorni e che deve avvenire in ambienti adeguati, come sono le cantine naturali dei Monti Nebrodi,  in grado di offrire un clima ottimale.

Per quanto riguarda i valori nutrizionali, il  guanciale è un alimento estremamente energetico, ricco di lipidi, povero di proteine e privo di carboidrati e fibre.  Prima di essere sottoposta alla salatura e alla stagionatura, è possibile notare quanto la carne sia  priva di acqua e ricca di grassi. Gli acidi grassi sono costituiti prevalentemente da monoinsaturi, ma vi è anche una grande quantità di saturi.

Per quanto concerne i sali minerali invece, soprattutto in quello stagionato,  sono presenti grandi quantità di sodio, pertanto viene sconsigliato nelle diete contro l’ipertensione arteriosa. Infine, con riferimento alle vitamine, sono presenti modeste concentrazioni di retinolo, ma ottime quantità di Vitamina B1, B2 e PP..

Viene proposto in confezioni sottovuoto, intero o a tranci.

 
da 15,50 / kg *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

Il guanciale di Suino Nero dei Nebrodi si ricava dalla guancia di questa razza storica e molto antica,definita indigena siciliana  già nota due secoli prima della venuta di Cristo. L’allevamento del Suino Nero dei Nebrodi viene praticato ancora oggi in modo tradizionale e primitivo sui Monti Nebrodi in provincia di Messina. Questi animali si nutrono di castagne e ghiande, vivono allo stato brado o semi-brado, all’interno di un territorio naturale ed incontaminato, un habitat fatto di faggi, querce secolari e grandi boschi, denso di vegetazione, ricco di laghi, torrenti e abbeveratoi.

La qualità dei salumi che si ottengono dal Suino nero dei Nebrodi, grazie  all’allevamento all’aperto e ad un'alimentazione genuina,  risulta di grandissimo pregio, dall’aroma unico ed inconfondibile e dal gusto inimitabile. La presenza di abbondante grasso nobile garantisce alle carni, dolcezza,sapidità e morbidezza.

I prodotti che si ottengono, quindi, sono  di eccellenza, cui si arriva grazie alla sintesi ottimale, non altrove riproducibile, dell’ambiente, delle tecniche di allevamento e di trasformazione, tutti elementi che rendono il Suino nero dei Nebrodi  una delle biodiversità più grandi d’Italia.

Il guanciale viene proposto in confezioni sottovuoto, intero o a tranci.

18,50 / kg *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Lardo dei Nebrodi

Il Lardo dei Nebrodi  viene ottenuto dal suino nazionale o dalla  razza di  suini locali,   allevati proprio sul territorio dei Monti Nebrodi in provincia di Messina.

Le  parti  utilizzate, per ottenere il Lardo, lavorate secondo le più antiche tradizioni siciliane, sono ricavate dalla  schiena del maiale e dalle  sezioni  della pancetta disossata.

Le fasi della lavorazione prevedono:

  • disosso e spolpo  con relativa separazione del lardo dalla carne;
  • salagione del Lardo  con aromi e spezie, senza glutine, additivi, farine o conservanti aggiunti;
  • maturazione in sale di stagionatura naturali per circa 25/30 giorni.

Per quanto riguarda l’aspetto il Lardo si presenta in  forma rettangolare, irregolare non standardizzata, mentre le dimensioni della pezzatura si aggirano intorno ad un peso non superiore a kg 1,5 .

Dopo il taglio, la parte rimanente deve essere conservata  in frigo protetta con pellicola per alimenti.

Il prodotto viene proposto in confezioni  sottovuoto intero o a tranci.

 

da 7,50 *

Scorte disponibili

Il Lardo di Suino Nero dei Nebrodi viene ottenuto da questa razza di  suini autoctoni  allevati allo stato brado controllato e presenti esclusivamente sui Monti Nebrodi, in provincia di Messina.

Le parti  utilizzate, per ricavare il Lardo, lavorate secondo le più antiche tradizioni siciliane, sono la dorsale o schiena  e le  sezioni  della pancetta disossata.

Le fasi della lavorazione prevedono:

  • disosso e spolpo  con relativa separazione del lardo dalla carne;
  • salagione del Lardo  con aromi e spezie, senza glutine, additivi, farine o conservanti aggiunti;
  • maturazione in sale di stagionatura naturali per circa 25/30 giorni.

Per quanto riguarda l’aspetto il Lardo si presenta in  forma rettangolare, irregolare non standardizzata, mentre le dimensioni della pezzatura si aggirano intorno ad un peso non superiore a kg 1,5 .

Per quanto concerne i valori nutrizionali il Lardo di Suino Nero dei Nebrodi è l’unico prodotto grasso animale ad avere il 70% di grassi insaturi e polinsaturi.

Dopo il taglio, la parte rimanente deve essere conservata  in frigo protetta con pellicola per alimenti.

.Il prodotto viene proposto in confezioni  sottovuoto intero o a tranci.

9,50 *
Peso della spedizione: 700 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Miele Castagno Apicoltura Siragusano

Il MIELE è una sostanza zuccherina prodotta dalle api per elaborazione del nettare. Colore e caratteristiche variano a seconda dei fiori da cui proviene il nettare. Il miele immagazzinato dalle api nelle celle, viene estratto tramite centrifugazione ed è l'unico dolcificante che non necessita di alcuna trasformazione per arrivare dalla natura alla nostra tavola.  E' formato quasi esclusivamente da zuccheri semplici ( fruttosio 90  - 95 %  e glucosio  5 - 10 %) per questo è un cibo altamente energetico e dolcificante.

La dose quotidiana consigliata è di circa  30 grammi pari a tre cucchiai. Va conservato a circa 20 gradi, in luogo asciutto e lontano da fonti di calore e luce. Tutti i mieli in origine sono allo stato liquido, ma con la diminuzione della temperatura molti di essi cristallizzano, tornano liquidi se riscaldati a temperatura non superiore a 40°.  Un cucchiaio ogni mattina sul pane o per dolcificare il latte o il té aiuta a disinfettare le prime vie respiratorie e a prevenire la tosse, il raffreddore e il mal di gola. Non va somministrato a bambini inferiore ad un anno.

PROPRIETA' BENEFICI ED USI PRINCIPALI

E' particolarmente indicato nella dieta dei bambini, in quanto favorisce la fissazione dei sali minerali nell'organismo umano, cosa che il normale zucchero non è in grado di fare. E' un ottimo antinfiammatorio per la gola ed ha effetti sedativi contro l'eccitazione nervosa e l'insonnia. Secondo recenti studi della Royal Society of Chemistry ha la capacità di eliminare l'etanolo dal corpo e di smaltire le sostanze nocive che si accumulano nel fegato, facilita inoltre l'espulsione di metalli pesanti. A differenza dello zucchero non contiene saccarosio, ma in prevalenza fruttosio che l'organismo può utilizzare più a lungo, contribuendo a mantenere la glicemia a livelli più stabili. E' utile anche ai costipati, combatte le fermentazioni e previene ulcere e gastriti, perché sembra ridurre le infiammazioni; stimola la circolazione sanguigna e aumenta la crescita delle cellule epiteliali situate all'interno dello stomaco e dell'intestino. E' un ricostituente ed antianemico. Contiene sostanze con spiccate proprietà battericida. Usato esternamente favorisce la cicatrizzazione di bruciature e ferite.

Pitagora lo  descriveva come un elisir di lunga vita.

 

da 6,00 *

Scorte disponibili

N. prodotto: Miele Fiori di Bosco - Apicoltura Siragusano

Il MIELE è una sostanza zuccherina prodotta dalle api per elaborazione del nettare. Colore e caratteristiche variano a seconda dei fiori da cui proviene il nettare. Il miele immagazzinato dalle api nelle celle, viene estratto tramite centrifugazione ed è l'unico dolcificante che non necessita di alcuna trasformazione per arrivare dalla natura alla nostra tavola.  E' formato quasi esclusivamente da zuccheri semplici ( fruttosio 90  - 95 %  e glucosio  5 - 10 %) per questo è un cibo altamente energetico e dolcificante.

La dose quotidiana consigliata è di circa  30 grammi pari a tre cucchiai. Va conservato a circa 20 gradi, in luogo asciutto e lontano da fonti di calore e luce. Tutti i mieli in origine sono allo stato liquido, ma con la diminuzione della temperatura molti di essi cristallizzano, tornano liquidi se riscaldati a temperatura non superiore a 40°.  Un cucchiaio ogni mattina sul pane o per dolcificare il latte o il té aiuta a disinfettare le prime vie respiratorie e a prevenire la tosse, il raffreddore e il mal di gola. Non va somministrato a bambini inferiore ad un anno.

PROPRIETA' BENEFICI ED USI PRINCIPALI

E' particolarmente indicato nella dieta dei bambini, in quanto favorisce la fissazione dei sali minerali nell'organismo umano, cosa che il normale zucchero non è in grado di fare. E' un ottimo antinfiammatorio per la gola ed ha effetti sedativi contro l'eccitazione nervosa e l'insonnia. Secondo recenti studi della Royal Society of Chemistry ha la capacità di eliminare l'etanolo dal corpo e di smaltire le sostanze nocive che si accumulano nel fegato, facilita inoltre l'espulsione di metalli pesanti. A differenza dello zucchero non contiene saccarosio, ma in prevalenza fruttosio che l'organismo può utilizzare più a lungo, contribuendo a mantenere la glicemia a livelli più stabili. E' utile anche ai costipati, combatte le fermentazioni e previene ulcere e gastriti, perché sembra ridurre le infiammazioni; stimola la circolazione sanguigna e aumenta la crescita delle cellule epiteliali situate all'interno dello stomaco e dell'intestino. E' un ricostituente ed antianemico. Contiene sostanze con spiccate proprietà battericida. Usato esternamente favorisce la cicatrizzazione di bruciature e ferite.

Pitagora lo  descriveva come un elisir di lunga vita.

 

da 6,00 *

Scorte disponibili

N. prodotto: Miele Millefiori Apicoltura Siragusano

Il MIELE è una sostanza zuccherina prodotta dalle api per elaborazione del nettare. Colore e caratteristiche variano a seconda dei fiori da cui proviene il nettare. Il miele immagazzinato dalle api nelle celle, viene estratto tramite centrifugazione ed è l'unico dolcificante che non necessita di alcuna trasformazione per arrivare dalla natura alla nostra tavola.  E' formato quasi esclusivamente da zuccheri semplici ( fruttosio 90  - 95 %  e glucosio  5 - 10 %) per questo è un cibo altamente energetico e dolcificante.

La dose quotidiana consigliata è di circa  30 grammi pari a tre cucchiai. Va conservato a circa 20 gradi, in luogo asciutto e lontano da fonti di calore e luce. Tutti i mieli in origine sono allo stato liquido, ma con la diminuzione della temperatura molti di essi cristallizzano, tornano liquidi se riscaldati a temperatura non superiore a 40°.  Un cucchiaio ogni mattina sul pane o per dolcificare il latte o il té aiuta a disinfettare le prime vie respiratorie e a prevenire la tosse, il raffreddore e il mal di gola. Non va somministrato a bambini inferiore ad un anno.

PROPRIETA' BENEFICI ED USI PRINCIPALI

E' particolarmente indicato nella dieta dei bambini, in quanto favorisce la fissazione dei sali minerali nell'organismo umano, cosa che il normale zucchero non è in grado di fare. E' un ottimo antinfiammatorio per la gola ed ha effetti sedativi contro l'eccitazione nervosa e l'insonnia. Secondo recenti studi della Royal Society of Chemistry ha la capacità di eliminare l'etanolo dal corpo e di smaltire le sostanze nocive che si accumulano nel fegato, facilita inoltre l'espulsione di metalli pesanti. A differenza dello zucchero non contiene saccarosio, ma in prevalenza fruttosio che l'organismo può utilizzare più a lungo, contribuendo a mantenere la glicemia a livelli più stabili. E' utile anche ai costipati, combatte le fermentazioni e previene ulcere e gastriti, perché sembra ridurre le infiammazioni; stimola la circolazione sanguigna e aumenta la crescita delle cellule epiteliali situate all'interno dello stomaco e dell'intestino. E' un ricostituente ed antianemico. Contiene sostanze con spiccate proprietà battericida. Usato esternamente favorisce la cicatrizzazione di bruciature e ferite.

Pitagora lo  descriveva come un elisir di lunga vita.

 

da 6,00 *

Scorte disponibili

N. prodotto: Nocciole dei Nebrodi Sgusciate

La produzione delle Nocciole dei Nebrodi risale intorno alla fine dell’Ottocento: in seguito alla crisi della gelsicoltura al posto di queste piante vennero piantati i noccioli (principalmente dei cultivar curcia, carrello, ghirara e minnulare), alberi con grandi capacità di adattamento – a patto che il terreno non sia troppo umido – caratterizzati da una grande produttività. Inoltre grazie alle loro radici fitte i noccioli si rivelarono molto utili per prevenire l’erosione del suolo.

In dialetto siciliano  chiamate “nucidde”, sono una varietà di nocciole che viene coltivata su un’area che si estende per circa 12 mila ettari, terreni che rientrano all’interno del Parco dei Nebrodi, la più grande area naturale protetta della Sicilia, in particolare nei comuni di Tortorici, Ucria, Castell’Umberto, Longi, Galati Mamertino, San Salvatore di Fitalia, S. Angelo di Brolo e Sinagra.

Si tratta di nocciole dalla caratteristica forma tonda particolarmente apprezzate per la loro consistenza ma anche per il loro aroma e il profumo intenso. La raccolta avviene a partire dalla fine del mese di agosto, quando le nocciole giungono a piena maturazione staccandosi dalla pianta, e viene ancora effettuata a mano. Una volta raccolti i frutti vengono messi all’interno di sacche e trasportati in appositi magazzini.

Tostata, in granella, in crema, con il guscio o senza. Comunque la si gusti, la nocciola tonda dei Nebrodi è da sempre una delizia per il palato. Particolarmente apprezzata per l’inconfondibile aroma, il sapore delicato e l’intenso retrogusto, a questa varietà di nocciola tutta siciliana, a ragione, è stata di recente riconosciuto un particolare occhio di riguardo nel panorama gastronomico italiano, in attesa del definitivo marchio DOP come prodotto di origine protetta.
 

da 16,50 *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

Nzuddi

21,00 *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

N. prodotto: Olio extravergine di oliva

A S. Angelo di Brolo, piccolo centro della Sicilia, in Provincia di Messina, il Frantoio Palazzolo produce:  “ Olio Extravergine di Olivadi alta qualità.

Le olive, raccolte a mano nelle vallate incontaminate dei Nebrodi, consentono di ottenere un olio a bassissimo contenuto di acidità e dal sapore tipico di fruttato. Le cultivar utilizzate sono:

  1. La Nasitana;
  2. La Nocellara messinese;
  3. La Santagatese;
  4. La Minuta,
  5. L’Ogliarola messinese;
  6. Il Verdello

            Il sole di Sicilia, il clima della zona di produzione, il suolo fertile, le piante secolari, il lavoro manuale che caratterizza tutte le fasi, dalla raccolta alla molitura delle olive, garantiscono un prodotto genuino e di alto valore nutrizionale. Caratteristico, per la sua purezza,  viene ottenuto mediante il sistema della  molitura a freddo.

           L’utilizzo di questo procedimento ed il breve tempo che passa fra la raccolta, lo stoccaggio e la molitura, oltre a favorire la produzione di un olio a basso contenuto di acidità, consentono di preservare l’aroma, il colore giallo splendente, il profumo e gli antichi sapori della Sicilia.

            Difatti, la civiltà contadina delle colline dei Nebrodi ha mantenuto nei secoli antiche tradizioni riassunte oggi nella cura che il  frantoio Palazzolo mette per produrre un olio leggero e delicato, dal colore giallo aureo, ricco di fragranze che racchiudono: sapori aromi e principi nutrizionali tipici delle valli dei Monti Nebrodi.

            Questo prodotto, autentico, sincero e genuino, utilizzato nei piatti di carne – pesce - insalate e sughi -  conferisce alle pietanze un sapore gradevole ed un gusto inconfondibile che lo rendono insostituibile per la sua bontà e le proprie qualità antiossidanti.

            Grazie ad un moderno sistema di imbottigliamento e all’utilizzo di rapidi ed efficienti mezzi di trasporto, La Nuova Sicilia  S.r.l.s., mandatario dell’azienda madre, è in grado di far pervenire i prodotti del Frantoio Palazzolo, in ogni parte del mondo nel più breve tempo possibile, confezionati nelle classiche bottiglie scure da 75 cl.  e nelle comode latte da 5 l.

da 9,20 *

Scorte disponibili

N. prodotto: Olio Oro dei Nebrodi Olio Biologico extravergine di oliva - Frantoio Palazzolo

A S. Angelo di Brolo, piccolo centro della Sicilia, in Provincia di Messina, il Frantoio Palazzolo produce:  “ Olio Extravergine di Oliva BIOLOGICO “ dal colore giallo dorato, tanto cheviene definito ORO DEI NEBRODI”.

Le olive, raccolte a mano nelle vallate incontaminate deiNebrodi, consentono di ottenere un olio a bassissimo contenuto di acidità e dal sapore tipico di fruttato. Le varietà di olive utilizzate sono:

  1. La Nasitana;
  2. La Nocellara messinese;
  3. La Santagatese;
  4. La Minuta,
  5. L’Ogliarola messinese;
  6. Il Verdello

            Il sole di Sicilia, il clima della zona di produzione, il suolo fertile, le piante secolari, il lavoro manuale che caratterizza tutte le fasi, dalla raccolta alla molitura delle olive, garantiscono un prodotto genuino e di alto valore nutrizionale. Caratteristico per la sua purezza, dovuta alla provenienza da agricoltura biologica, viene ottenuto mediante il sistema della  molitura a freddo.

            L’utilizzo di questo procedimento ed il breve tempo che passa fra la raccolta, lo stoccaggio e la molitura, oltre a favorire la produzione di un olio a basso contenuto di acidità, consentono di preservare l’aroma e gli antichi sapori della Sicilia.

            Difatti, la civiltà contadina delle colline dei Nebrodi ha mantenuto nei secoli antiche tradizioni riassunte oggi nella cura che il  frantoio Palazzolo mette per produrre un olio leggero, delicato e biologicamente testato, dal colore dorato, ricco di fragranze che racchiudono: sapori aromi e principi nutrizionali tipici delle valli dei Monti Nebrodi.

            Questo prodotto, autentico, sincero  e genuino, utilizzato nei piatti di carne – pesce - insalate e sughi, conferisce alle pietanze un sapore gradevole ed un gusto inconfondibile che lo rendono insostituibile per la sua bontà e le proprie qualità antiossidanti.

            Grazie ad un moderno sistema di imbottigliamento e all’utilizzo di rapidi ed efficienti mezzi di trasporto, La Nuova Sicilia  S.r.l.s., mandatario dell’azienda madre, è in grado di far pervenire i prodotti del Frantoio Palazzolo, in ogni parte del mondo, nel più breve tempo possibile, confezionati nelle classiche bottiglie scure da 75 cl.  e nelle comode latte da 5 l.

da 10,00 *

Scorte disponibili

La Pancetta arrotolata dei Nebrodi è una varietà di pancetta che prende il nome dal fatto che il pezzo di carne da cui viene ricavata, cioè la parte magra del ventre del maiale, sapientemente salata e aromatizzata, viene fatta stagionare, dopo essere stata arrotolata, a differenza della pancetta tesa la cui stagionatura si effettua nella sua forma originaria. La pancetta arrotolata, proveniente da suini locali, ha una forma circolare tondeggiante, può essere affettata o tagliata a tranci striati di rosso-rosato e bianco. Al palato si scioglie in bocca grazie alla venatura di grasso nobile della parte centrale magra del maiale, per un sapore aromatizzato sì ma comunque “morbido” e delicato.

La produzione della pancetta arrotolata inizia con la sezionatura della pancia, il taglio viene squadrato a seconda della destinazione finale, quindi è sottoposto a vari trattamenti quali la rifilatura, la scotennatura (se prevista) e la sgrassatura. La fase successiva definita della salatura, effettuata a mano  con ua tecnica tradizionale che offre le migliori garanzie, viene eseguita con un misto di sale, spezie ed aromi che impartiscono caratteristiche importanti di colore, profumo, gusto e serbevolezza. Dopo la salatura la pancetta viene confezionata mediante arrotolamento e in questo stato mantenuta mediante semplice legatura (pancetta con cotenna), oppure mediante immissione in budello. Generalmente nelle parti terminali vengono applicati due lembi di vescica naturale per permettere una migliore disidratazione durante la stagionatura che va da un minimo di tre ad un massimo di sei mesi.

Viene proposta confezionata sottovuoto nelle seguenti pezzature: 1 kg - 1,6 kg - 2 kg.

15,80 *
Peso della spedizione: 1.000 g

Scorte disponibili

N. prodotto: POKER di Salumi S. Angelo

Il POKER di Salumi S. Angelo - CONFEZIONE REGALO - è composto da:

un capo di Salame S. Angelo I.G.P.;

un capo di Salame di Suino Nero dei Nebrodi;

un capo di Salame Nostrano/Paesano,

un capo di Salame Siciliano.

da 49,00 *
Peso della spedizione: 2 kg

Scorte disponibili

N. prodotto: ProsciuttoCottoSuinoNero
da 170,00 *
Peso della spedizione: 1,6 kg

Scorte disponibili

N. prodotto: Prosciutto Suino Nero SO

Il Prosciutto crudo di Suino Nero dei Nebrodi viene ottenuto da questa razza di suini locali, molto vicina ai cinghiali sia nell’aspetto che nei comportamenti, allevati allo stato brado controllato esclusivamente sui Monti Nebrodi, in provincia di Messina e protetti dal Consorzio di tutela del Suino Nero dei Nebrodi e Slow Food.  Ha origini molto antiche: resti fossili e documenti scritti testimoniano la presenza di questi animali fin dal periodo della colonizzazione greca e cartaginese (VII-VI secolo). Si tratta di una razza precoce e longeva, adatta a vivere all’interno dei terreni rupestri, tipici degli ambienti boschivi, caratterizzata da una buona fertilità, presenta una forte resistenza alle malattie ed alle avversità climatiche. Il suo mantello è nero, con robuste setole sul dorso, che assumono la forma di criniera. Ha la testa lunga a profilo diritto. Il tronco è poco sviluppato, gli arti sono lunghi e robusti con unghielli resistenti. La riproduzione avviene allo stato libero ed i maialini nati si alimentano con latte materno fino allo svezzamento, poi si alimentano pascolando nei ricchi e nutrienti boschi di quercia e faggio, entrando a far parte integrante della fauna  naturale ed incontaminata dei Nebrodi. Questi animali vivono quasi esclusivamente allo stato brado, nutrendosi di erbe selvatiche e profumatissime, timo, nepitella, origano e soprattutto radici, ghiande,castagne, bacche e frutti spontanei presenti nel sottobosco.

Questa alimentazione naturale può essere considerata uno dei fattori fondamentali che consente di ottenere delle carni molto pregiate trasmettendo alla sua polpa spiccate doti di qualità e genuinità con caratteristiche organolettiche uniche e non riproducibili in altre parti del mondo.

Il prosciutto crudo ottenuto da queste carni, difatti,  si differenzia dagli altri prosciutti, oltre per il pregio e la qualità della materia prima,  per i seguenti fattori:

  • l’incontro delle correnti d’aria provenienti dal mar Tirreno e dai monti Nebrodi crea un microclima unico che caratterizza fortemente la maturazione e fa acquisire al prosciutto un sapore gradevolissimo pieno e persistente;
  • l’intera fase di stagionatura del prodotto, 24-30 mesi,  in queste condizioni ambientali,  conferisce al prosciutto un aroma ed un profumo particolare che si avverte quando sprigiona in bocca la sua prelibatezza ed un  gusto intenso unico ed inimitabile;  
  • la presenza notevole di grasso salutare, appartenente alla categoria dei grassi polinsaturi, ricco di omega 3 e omega 6, rende il prosciutto dolce al palato e si bilancia  perfettamente con la parte magra più saporita e compatta.

Il dipartimento di Medicina e Veterinaria dell’Università degli Studi di Messina ha eseguito una serie di studi sul Suino nero dei Nebrodi ed è arrivato alla conclusione che le carni hanno un colesterolo  ricco di ferro, un colesterolo buono (colesterolo HDL), dovuto alla salubrità di ciò che mangiano i maiali e all’habitat naturale in cui vivono.

Viene proposto confezionato sottovuoto  senza  osso nelle pezzature da  5  kg. 6 kg. e 7 kg.

 

.

 

da 249,00 *

Scorte disponibili

N. prodotto: Prosciutto crudo di Suino Nero con l'osso

Il Prosciutto crudo di Suino Nero dei Nebrodi viene ottenuto da questa razza di suini locali, molto vicina ai cinghiali sia nell’aspetto che nei comportamenti, allevati allo stato brado controllato esclusivamente sui Monti Nebrodi, in provincia di Messina e protetti dal Consorzio di tutela del Suino Nero dei Nebrodi e Slow Food.  Ha origini molto antiche: resti fossili e documenti scritti testimoniano la presenza di questi animali fin dal periodo della colonizzazione greca e cartaginese (VII-VI secolo). Si tratta di una razza precoce e longeva, adatta a vivere all’interno dei terreni rupestri, tipici degli ambienti boschivi, caratterizzata da una buona fertilità, presenta una forte resistenza alle malattie ed alle avversità climatiche. Il suo mantello è nero, con robuste setole sul dorso, che assumono la forma di criniera. Ha la testa lunga a profilo diritto. Il tronco è poco sviluppato, gli arti sono lunghi e robusti con unghielli resistenti. La riproduzione avviene allo stato libero ed i maialini nati si alimentano con latte materno fino allo svezzamento, poi si alimentano pascolando nei ricchi e nutrienti boschi di quercia e faggio, entrando a far parte integrante della fauna  naturale ed incontaminata dei Nebrodi. Questi animali vivono quasi esclusivamente allo stato brado, nutrendosi di erbe selvatiche e profumatissime, timo, nepitella, origano e soprattutto radici, ghiande,castagne, bacche e frutti spontanei presenti nel sottobosco.

Questa alimentazione naturale può essere considerata uno dei fattori fondamentali che consente di ottenere delle carni molto pregiate trasmettendo alla sua polpa spiccate doti di qualità e genuinità con caratteristiche organolettiche uniche e non riproducibili in altre parti del mondo.

Il prosciutto crudo ottenuto da queste carni, difatti,  si differenzia dagli altri prosciutti, oltre per il pregio e la qualità della materia prima,  per i seguenti fattori:

  • l’incontro delle correnti d’aria provenienti dal mar Tirreno e dai monti Nebrodi crea un microclima unico che caratterizza fortemente la maturazione e fa acquisire al prosciutto un sapore gradevolissimo pieno e persistente;
  • l’intera fase di stagionatura del prodotto, 24-30 mesi,  in queste condizioni ambientali,  conferisce al prosciutto un aroma ed un profumo particolare che si avverte quando sprigiona in bocca la sua prelibatezza ed un  gusto intenso unico ed inimitabile;  
  • la presenza notevole di grasso salutare, appartenente alla categoria dei grassi polinsaturi, ricco di omega 3 e omega 6, rende il prosciutto dolce al palato e si bilancia  perfettamente con la parte magra più saporita e compatta.

Il dipartimento di Medicina e Veterinaria dell’Università degli Studi di Messina ha eseguito una serie di studi sul Suino nero dei Nebrodi ed è arrivato alla conclusione che le carni hanno un colesterolo  ricco di ferro, un colesterolo buono (colesterolo HDL), dovuto alla salubrità di ciò che mangiano i maiali e all’habitat naturale in cui vivono.

Viene proposto confezionato sottovuoto con l'osso nelle pezzature da 6 e 7 kg.

 

da 285,00 *

Scorte disponibili

N. prodotto: Spalla di Suino Nero dei Nebrodi

Il Prosciutto crudo di Suino Nero dei Nebrodi viene ottenuto da questa razza di suini locali, molto vicina ai cinghiali sia nell’aspetto che nei comportamenti, allevati allo stato brado controllato esclusivamente sui Monti Nebrodi, in provincia di Messina e protetti dal Consorzio di tutela del Suino Nero dei Nebrodi e Slow Food.  Ha origini molto antiche: resti fossili e documenti scritti testimoniano la presenza di questi animali fin dal periodo della colonizzazione greca e cartaginese (VII-VI secolo). Si tratta di una razza precoce e longeva, adatta a vivere all’interno dei terreni rupestri, tipici degli ambienti boschivi, caratterizzata da una buona fertilità, presenta una forte resistenza alle malattie ed alle avversità climatiche. Il suo mantello è nero, con robuste setole sul dorso, che assumono la forma di criniera. Ha la testa lunga a profilo diritto. Il tronco è poco sviluppato, gli arti sono lunghi e robusti con unghielli resistenti. La riproduzione avviene allo stato libero ed i maialini nati si alimentano con latte materno fino allo svezzamento, poi si alimentano pascolando nei ricchi e nutrienti boschi di quercia e faggio, entrando a far parte integrante della fauna  naturale ed incontaminata dei Nebrodi. Questi animali vivono quasi esclusivamente allo stato brado, nutrendosi di erbe selvatiche e profumatissime, timo, nepitella, origano e soprattutto radici, ghiande,castagne, bacche e frutti spontanei presenti nel sottobosco.

Questa alimentazione naturale può essere considerata uno dei fattori fondamentali che consente di ottenere delle carni molto pregiate trasmettendo alla sua polpa spiccate doti di qualità e genuinità con caratteristiche organolettiche uniche e non riproducibili in altre parti del mondo.

Il prosciutto crudo ottenuto da queste carni, difatti,  si differenzia dagli altri prosciutti, oltre per il pregio e la qualità della materia prima,  per i seguenti fattori:

  • l’incontro delle correnti d’aria provenienti dal mar Tirreno e dai monti Nebrodi crea un microclima unico che caratterizza fortemente la maturazione e fa acquisire al prosciutto un sapore gradevolissimo pieno e persistente;
  • l’intera fase di stagionatura del prodotto, 24-30 mesi,  in queste condizioni ambientali,  conferisce al prosciutto un aroma ed un profumo particolare che si avverte quando sprigiona in bocca la sua prelibatezza ed un  gusto intenso unico ed inimitabile;  
  • la presenza notevole di grasso salutare, appartenente alla categoria dei grassi polinsaturi, ricco di omega 3 e omega 6, rende il prosciutto dolce al palato e si bilancia  perfettamente con la parte magra più saporita e compatta.

Il dipartimento di Medicina e Veterinaria dell’Università degli Studi di Messina ha eseguito una serie di studi sul Suino nero dei Nebrodi ed è arrivato alla conclusione che le carni hanno un colesterolo  ricco di ferro, un colesterolo buono (colesterolo HDL), dovuto alla salubrità di ciò che mangiano i maiali e all’habitat naturale in cui vivono.

Viene proposto confezionato sottovuoto con l'osso nelle pezzature da 5 kg. 6 kg. e 7 kg.

 

da 183,00 *

disponibile

Il Prosciutto crudo di Suino Nero dei Nebrodi viene ottenuto da questa razza di suini locali, molto vicina ai cinghiali sia nell’aspetto che nei comportamenti, allevati allo stato brado controllato esclusivamente sui Monti Nebrodi, in provincia di Messina e protetti dal Consorzio di tutela del Suino Nero dei Nebrodi e Slow Food.  Ha origini molto antiche: resti fossili e documenti scritti testimoniano la presenza di questi animali fin dal periodo della colonizzazione greca e cartaginese (VII-VI secolo). Si tratta di una razza precoce e longeva, adatta a vivere all’interno dei terreni rupestri, tipici degli ambienti boschivi, caratterizzata da una buona fertilità, presenta una forte resistenza alle malattie ed alle avversità climatiche. Il suo mantello è nero, con robuste setole sul dorso, che assumono la forma di criniera. Ha la testa lunga a profilo diritto. Il tronco è poco sviluppato, gli arti sono lunghi e robusti con unghielli resistenti. La riproduzione avviene allo stato libero ed i maialini nati si alimentano con latte materno fino allo svezzamento, poi si alimentano pascolando nei ricchi e nutrienti boschi di quercia e faggio, entrando a far parte integrante della fauna  naturale ed incontaminata dei Nebrodi. Questi animali vivono quasi esclusivamente allo stato brado, nutrendosi di erbe selvatiche e profumatissime, timo, nepitella, origano e soprattutto radici, ghiande,castagne, bacche e frutti spontanei presenti nel sottobosco.

Questa alimentazione naturale può essere considerata uno dei fattori fondamentali che consente di ottenere delle carni molto pregiate trasmettendo alla sua polpa spiccate doti di qualità e genuinità con caratteristiche organolettiche uniche e non riproducibili in altre parti del mondo.

Il prosciutto crudo ottenuto da queste carni, difatti,  si differenzia dagli altri prosciutti, oltre per il pregio e la qualità della materia prima,  per i seguenti fattori:

  • l’incontro delle correnti d’aria provenienti dal mar Tirreno e dai monti Nebrodi crea un microclima unico che caratterizza fortemente la maturazione e fa acquisire al prosciutto un sapore gradevolissimo pieno e persistente;
  • l’intera fase di stagionatura del prodotto, 24-30 mesi,  in queste condizioni ambientali,  conferisce al prosciutto un aroma ed un profumo particolare che si avverte quando sprigiona in bocca la sua prelibatezza ed un  gusto intenso unico ed inimitabile;  
  • la presenza notevole di grasso salutare, appartenente alla categoria dei grassi polinsaturi, ricco di omega 3 e omega 6, rende il prosciutto dolce al palato e si bilancia  perfettamente con la parte magra più saporita e compatta.

Il dipartimento di Medicina e Veterinaria dell’Università degli Studi di Messina ha eseguito una serie di studi sul Suino nero dei Nebrodi ed è arrivato alla conclusione che le carni hanno un colesterolo  ricco di ferro, un colesterolo buono (colesterolo HDL), dovuto alla salubrità di ciò che mangiano i maiali e all’habitat naturale in cui vivono.

Viene proposto confezionato sottovuoto  senza  osso nelle pezzature da  5  kg. 6 kg. e 7 kg.

 

172,00 *

Scorte ancora disponibili

* Prezzi comprensivi di IVA più spedizione
1 - 30 di 56 risultati